Del tempo e del suo valore

 

Vi siete mai chiesti quanto vale il vostro tempo?

Io mai. Fino a quando non è arrivato il primo piccolo terremoto in casa. In quel momento, davvero, mi sono resa conto di cosa vuol dire non avere tempo. Anche prima, quando studiavo, dicevo sempre di non avere tempo. Me lo ripetevo, più per convincere me stessa che gli altri.

Poi tutto si è stravolto. Ho iniziato davvero a non avere tempo. O meglio, a non poter decidere io del mio tempo. I ritmi, dopo che arriva un bimbo, li detta lui. Vorresti pulire casa, fare le lavatrici e sfruttare la pausa pranzo per rendere la casa presentabile? Ma ovviamente non osare neanche pensarlo. A seconda dell’età dovrai camminare in punta di piedi per non fare rumore, avere mille occhi per evitare rotolamenti giù per le scale, giocare alla lotta con i supereroi, passare un’ora a staccare la supercolla che ti unisce al tuo piccolo erede.

E poi c’è il lavoro. Con i suoi orari, le sue scadenze, i suoi impegni. Le sue soddisfazioni. Forse non saprei farne a meno, perché rende davvero prezioso il resto del tempo. Però quando diventi mamma ti accorgi che le cose cambiano. Che le priorità si modificano. Che le energie si moltiplicano e allo stesso tempo si dimezzano, perché devi suddividerle tra tante, troppe cose.

Prima di adesso, non avevo mai dato importanza al tempo, è sempre stato lì, onnipresente. Non gli ho mai dato valore. Invece ogni briciola del nostro tempo vale. Vale in qualunque ambito, per qualunque cosa lo stiate spendendo. Per un favore, per un lavoro, per un gioco, per una torta fatta in casa. Ho imparato a non sottovalutare tutte le cose che avrei potuto fare in quel tempo, per dire: bene, questa cosa la faccio, ma questo è quello che vale, questo è quello che mi costa.

Non sottovalutate mai il tempo che impiegate a fare, vedere, leggere qualcosa. Ci potranno tornare indietro mille cose, i soldi, la fortuna, anche la salute. Ma il tempo mai. Prendetevelo. Una cosa scontata e banale da dire, ma che diventa più vera man mano che ce lo vediamo scivolare via.

 

About inarilab

Sognatrice, piccolo folletto della felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *